Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on 4 Feb 2014 in Agenda, Carcere, Giustizia | 0 comments

Fini-Giovanardi a giudizio, parola alla consulta

Fini-Giovanardi a giudizio, parola alla consulta

Questo post è stato letto 1650 volte

Palazzo_della_Consulta_Roma_2006Fini-Giovanardi a giudizio, parola alla consulta
Conferenza stampa giovedì 6 febbraio alla sala stampa della Camera dei Deputati

Giovedì 6 febbraio alle ore 13 presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati (via della Missione 4 a Roma) si terrà una conferenza stampa a Roma “Fini-Giovanardi a giudizio, parola alla consulta” in vista dell’udienza della Corte Costituzionale che esaminerà i profili di incostituzionalità della legge sulle droghe portati all’attenzione della Corte da numerosi tribunali italiani. Promuove La Società della Ragione, con l’adesione di Antigone, CNCA e Forum Droghe.

Alla conferenza stampa, nella quale sarà presentato l’appello “Certamente incostituzionale” rivolto ai giudici costituzionali sottoscritto da 138 fra giuristi, garanti dei detenuti, magistrati, avvocati e operatori del settore, parteciperanno Stefano Anastasia, Presidente de La Società della Ragione, Franco Corleone, coordinatore nazionale dei Garanti territoriali dei detenuti, e Luigi Saraceni, avvocato che si è costituito in giudizio con una memoria presentata alla Corte. Saranno inoltre presenti i deputati Daniele Farina (SEL) e Ivan Scalfarotto (PD).

L’accredito per accedere alla sala può essere richiesto all’email info@societadellaragione.it entro mercoledì 5 febbraio segnalando l’eventuale necessità di far entrare apparecchiature video. Per accedere alla sala gli uomini devono indossare la giacca.

L’ufficio stampa

L’appello Certamente incostituzionale è visualizzabile on line su:
http://www.societadellaragione.it/2014/01/21/certamente-incostituzionale/

Questo post è stato letto 1650 volte

468 ad

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.