Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on 5 Set 2019 in contenzione, Diritti Umani, Primo piano | 0 comments

Contenzione nei servizi psichiatrici, contro il passo indietro della Regione Toscana

Contenzione nei servizi psichiatrici, contro il passo indietro della Regione Toscana

Questo post è stato letto 241 volte

Alcune associazioni e movimenti (Società della Ragione, Istituto Italiano di Bioetica-Sezione Toscana, L’Altro Diritto, E tu slegalo subito – Campagna per l’abolizione della contenzione) hanno inviato una lettera aperta agli organi istituzionali della Regione Toscana nell’imminenza della discussione in Consiglio regionale del piano sanitario sociale 2018-2020.

Le associazioni esprimono preoccupazione perché il testo in discussione non prevede più il divieto della contenzione nei servizi psichiatrici, così come invece indica il precedente piano sanitario. E’ un passo indietro incomprensibile, specie considerando il pronunciamento del Comitato Nazionale di Bioetica nel 2015, di condanna inequivocabile sul piano etico della contenzione, quale “violazione dei diritti fondamentali della persona”; e la recente sentenza della Corte di Cassazione sulla morte in contenzione di Franco Mastrogiovanni, alla luce della quale la contenzione fisica si configura come un reato.

La lettera è stata recapitata in particolare al presidente Enrico Rossi e all’assessora competente Stefania Saccardi, al presidente del Consiglio Regionale, al presidente della Commissione Regionale di Bioetica, alle autorità nazionali e regionali garanti delle persone private della libertà, al Difensore Civico regionale.

Scarica la lettera.

Questo post è stato letto 241 volte

Download documentazione

468 ad

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.